Collane

Intrecci

  • "Testi liberi e digressivi, evocativi o anticipatori"

Reti, tessiture, trame, orditi, strutture, intrecci. Contro l’ordine sequenziale ed il rapporto fabulistico di causa-effetto, la collana accoglie testi liberi e digressivi, evocativi o anticipatori.

           
Paola Silvia Dolci, I processi di ingrandimento delle immagini   Daniele Campanari,
Corpo dosumano
  Marco Giovenale, Delvaux   Claudio Gargano,
Post-scriptum
  Silvia Molesini,
Mazzo di fiorellini
   

   
           
Taije Silverman,
Le case sono campi
  Antonio Bux,
Disgrafie
  Marina Pizzi,
Un gerundio di venia
  Norma D'Alessio,
Un pesce e una rondine
  Antonio Pietropaoli,
Dissezioni
   

   
           
Ivan Schiavone,
Strutture (2004-2006)
  Teobaldo Fortunato,
Per vizio e per diritto
  Guido Caserza,
Malebolge (libretto espansibile)
  Guido Caserza,
Priscilla.
Poesie d’amore
  Liz Locchead,
Poesie-Och!
   

   
           
Arturo Fabbricatore,
Morsi alle labbra
  Mariano Bàino,
Amarellimerick
  Luca Ragagnin,
Pentagramma
  Andrea Manzi,
L'orma che scavo
  Nicola Ponzio,
Il mio nome nel tuo nome
   

   
           
Luca Buonaguidi,
Ho parlato alle parole
  Ivan Schiavone,
Cassandra,
un paesaggio
  Paolo Gentiluomo,
L’onnivoro digiuno
  Claudio Gargano,
Il libro di A.
  Fabio Martello,
La corruzione dei tempi
   

   
           
Bernardo Pacini,
La drammatica evoluzione
  Giuseppe Acconcia,
Liberi tutti
  Marina Pizzi,
Cantico di stati (2011-2015)
  Emiliano Michelini,
La luna vista dal McDonald's
  Emmanuel Di Tommaso,
Sulla soglia boschiva
   

   
           
Sara Davidovics,
OZ. Viaggio astratto
su quattro punti cardinali
e una Coda
  Mauro Pastore,
Nel silenzio
  Giorgio Sica,
Versi di mare e d'orto
  Stefano Serri,
Prove di un discorso.
Per Liu Xiabo nel carcere cinese
  Mariastella Eisenberb, Viaggi al fondo della notte. La migranza, l’erranza, la viandanza    

   
                 
Pietro Roversi, Viaggi al fondo della notte. La migranza, l’erranza, la viandanza   Adriana Lazzini,
Ho dimenticato come si piange