Collane

Trivio

  • Poesia, prosa, critica

[...] “Trivio” è anche e soprattutto la nobile matrice di “triviale”, che ci rimanda al significato basico di trivio come incrocio di tre strade e perciò pieno di gente, di popolo - da cui, per estensione sociologica, plebeo, volgare. Identica sorte, allora, del quadrivio (e del “quadriviale”, di joyciana memoria), luogo dove fanno capo ben quattro strade, e dunque ancor più affollato e becero? E infatti Campana in fondo ai quadrivi ci trovava addirittura le troie notturne.

                     
Trivio,
zeroduemilanove
  Trivio,
unoduemilatredici
  Trivio,
dueduemilaquindici
  Trivio,
treduemilasedici